News

“Black Magic Women” la mostra fotografica africana

Al via la mostra fotografica “Black Magic Women” organizzata dall’Ong modenese Bambini nell’ambito del progetto “Vivere insieme in pari dignità” portato avanti insieme ad Amref Italia ed altre associazioni.

Protagonista della mostra Jeneviene Aken, artista nigeriana, che ha ottenuto diversi riconoscimenti a livello internazionale.

L’evento è curato da Giulia Raimondi ed è finanziata dalla Fondazione del Monte. L’allestimento è presso la Fondazione Pio istituto sordomute povere di Bologna, una location che risale a 500 anni fa.

Tanti i temi affrontati inerenti all’universo femminile: dalla mutilazione dei genitali, alle donne combattenti, dallo sfruttamento del corpo alla messa in discussione dei canoni di bellezza.

Per Jenevieve è l’esordio nel mercato italiano. Presenterà a Bologna “Monankim” serie che descrive il rituale Bakor, che prevede la mutilazione dei genitali femminili per celebrare l’ingresso nella piena identità di genere.

La pratica deve avvenire quando la ragazza ha un’età compresa tra i 14 e i 18 anni. Terminata la cicatrizzazione la ragazza viene presentata alla comunità come un modello di purezza. Le famiglie sono estremamente orgogliose della fanciulla, che diventa molto appetibile per aspiranti mariti. La fotografa ritrae la famiglia, la madre e la zia hanno subito questa pratica e ora si battono perché nessuna donna soffra per tale abominio.

Un’altra artista nigeriana che espone è Lubee Abubakar che si focalizza sul tema dello sfruttamento del corpo femminile e le fotografie in questione celebrano le donne che non vogliono conformarsi ai canoni di bellezza imposti dalla società.

Nicky Woo, fotografa polinesiana affronta il tema della prostituzione focalizzando l’attenzione su una comunità cristiana di Zanzibar. Queste donne, viste le difficilissime condizioni economiche, sono costrette a prostituirsi e si trasferiscono nell’isola alla ricerca di cliente occidentali, ma in realtà lavorano solo con clienti locali in condizioni igienico-sanitarie pessime.

Altra fotografa che espone è Maheder Haileselassie, ventottenne etiope. Gli scatti mostrati, fanno riferimento alla manifestazione di Addis Abeba dopo il massacro di 29 cittadini etiopi da parte del’Isis.

Francesca Tosarelli esporrà gli scatti delle donne combattenti in Congo.

Infine gli scatti di Jessiva Sarkodie descriveranno la società patriarcale della provincia di Tamele in Ghana.

About the author

Alessio Perigli

Alessio Perigli

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.